lunedì 18 novembre 2019

la BORSALINO è fallita. Sigh!

Quando fallisce una azienda come Borsalino significa che il sistema è marcio dentro

la BORSALINO è fallita. Sigh!

La notizia di oggi è una di quelle che rattristano. Il tribunale di Alessandria ha respinto la richiesta di concordato della azienda Borsalino, che con questo atto è formalmente fallita.

Se ne va così una azienda che è nella storia d’Italia e che per tanti anni è stata uno degli emblemi del Made in Italy.

Sarà che i cappelli si usano di meno che una volta, sarà che la gente ha meno soldi di prima in tasca ed al cappello non ci pensa proprio, resta il fatto che le giustificazioni sono tutte molto poco convincenti.

La realtà è che è fallita una azienda il cui brand è talmente conosciuto da potersi quasi sostenere da solo e senza pubblicità.

Evidentemente l’azienda paga un management non in grado di stare al passo con i tempi, ma ancora di più paga i tempi stessi, ovvero tempi duri per chiunque abbia voglia di fare l’imprenditore.

Così oggi, in attesa di notizie più chiare sulla sorte del marchio, Borsalino smette la produzione.

Non mi meraviglierei di trovare presto lo stesso marchio che riemerge, ma all’estero, là dove la lungimiranza della politica è maggiore, là dove un destino tutt’altro che scontato sta portando ogni azienda italiana di valore.

In somma, stiamo facendo di tutto per generare ricchezza che entra nelle casse erariali di altri, il che in economia ed in politica si chiama “PURO MASOCHISMO”



Visualizzazioni: 1.238
Altre Pagine sull'argomento
  • Il programma politico di Torre Presidente
    Già pronta la Bozza del programma pieno di proposte concrete
    Il programma politico che verrà presentato in occasioni delle prossime elezioni di Camera e Senato, è ancora in fase di composizione. Vi sono però alcuni punti già molto ben tracciati, che rappresentano una sorta di spina dorsale programmatica at
    Pubblicata il:23/11/2017
  • Ora non resta che dichiarare guerra alla Svezia
    Solo in un paese di incapaci poteva succedere?
    Solo in un paese di incapaci poteva succedere? Secondo me no, secondo me, pur assurdo, c’è un calcolo dietro. Perché privare gli italiani dell’unico momento identitario che è rimasto, ovvero della nazionale che gioca ai mondiali, significa cancella
    Pubblicata il:23/11/2017
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +