mercoledì 24 luglio 2019

Chiamatelo saltimbanco e vi convincerà che i veri giullari sono altri

Mauro Ferrari, Ottobre 2017

Chiamatelo saltimbanco e vi convincerà che i veri giullari sono altri

«Io non voto, scelgo Torre Sindaco»

Sei parole che sintetizzano più di altre la filosofia del cittadino Torre, una persona utile al pianeta per tre motivi: è un bravissimo imprenditore del web che si circonda di giovani, è una persona che ti aiuta a pensare, è un uomo che sorride.

E’ un amico visionario che si è dato il limite di non dare limiti alla sua immaginazione e frequenta il mondo che noi frequentiamo senza esserne contaminato.

Il suo progetto politico gli somiglia perché è lui stesso il frame del suo punto di programma più rappresentativo ; quel vulcano (non solo di idee) che vuole erigere in ogni luogo e in ogni momento della sua campagna permanente contro il male odore che emana la politica dei nostri tempi.

Il mio incontro con Stefano Torre è stato nella sua Infonet per rifare il mio sito web www.vincereleelezioni.it.

Mi ha aiutato con successo ad aumentare, con campagne AdWords e Display, il mio trust personale e la visibilità dei miei contenuti nelle città dove sarebbe stata prossima una campagna elettorale. Continua a farlo curando il posizionamento del mio sito sui motori di ricerca.

Dopo la scintillante esperienza da candidato Sindaco di Piacenza ha giustamente guardato avanti candidandosi a Premier nazionale, capitalizzando il consenso e la simpatia che si è guadagnato in tutta Italia.

Pur camminando con una certa difficoltà è sempre un passo avanti a tutti noi. In quell’uomo gentile, a cui il destino di informatico ha regalato due computer piantati nel petto per permettergli di muoversi e parlare, vedo il meglio che trovo in giro di questi tempi, il coraggio di vivere le proprie emozioni fino in fondo, un approccio fluido e innovativo alla vita e uno stampo antico che mi rassicura anche quando afferma con determinazione che distruggerà San Marino con l’aiuto del suo amico Putin.

Chiamatelo folle e vi ringrazierà. Chiamatelo invasato e vi sorriderà, Chiamatelo saltimbanco e vi convincerà che i veri giullari sono altri.

 

Mauro Ferrari


Visualizzazioni: 2.128
Altre Pagine sull'argomento
  • Mattia Motta su FACEBOOK. Giugno ventidiciassette
    Torre non è un politico, un comico, un satiro, un campione, no. E' uno che ha un'agenzia di comunicazione che fa web. È un imprenditore. Con 500€ di spese, trovando dei #^}*#*#^# che gli hanno firmato un foglio che, se lo leggi, cita cose come la C
    Pubblicata il:28/11/2017
  • Piacenza online racconta la durante la presentazione del libro #TorreSindaco
    da Piacenza Online 17 dicembre ventidiciassette Ci ha fatto ridere (tanto) durante i suoi comizi, ci ha fatto riflettere con le sue proposte bizzarre per la città che nascondevano evidenze forse non così palesi da vedere.
    Pubblicata il:18/12/2017
  • A Nel Mirino con Marcello Pollastri su Telelibertà
    Un libro sulla sorpresa delle ultime elezioni amministrative di Piacenza, cioè il “candidato bionico” Stefano Torre. A scriverlo, con il contributo di Thomas Trenchi ed Enzo Latronico, è stato il giornalista del gruppo Libertà, Marcello Pollastri
    Pubblicata il:18/12/2017
  • Piacenza24 dedica un articolo al libro su TorreSindaco
    Arriva nelle librerie “TorreSindaco. Storia dell’uomo che promise un vulcano a Piacenza”. Domenica 11 giugno 2017 a Piacenza gli elettori sono stati chiamati a scegliere chi avrebbe guidato la città per i cinque anni successivi. Mentre ancora la
    Pubblicata il:05/12/2017
  • Andrea Scanzi 20 giugno 2017
    Stefano Torre ha 52 anni e si candida provocatoriamente come sindaco a Piacenza. Per avere un po’ di spazio mediatico si fa persino intervistare da Cruciani, che reputa impossibile una sua performance superiore a 500 voti. Infatti ne prende 1800
    Pubblicata il:23/11/2017
  • Di Gaetano Rizzuto
    La novità delle elezioni comunali 2017 a Piacenza ha un solo nome: Stefano Torre. La sua candidatura a sindaco ha rappresentato uno scossone, una provocazione, una sciabolata ad una campagna sonnolenta e spenta e l’ha trasformata in una delle più i
    Pubblicata il:28/11/2017
  • Oscar Giannino e Alessandro Milan : Maggio 2017
    Oscar Giannino: Lei è una manifestazione della benevolenza divina verso i piacentini, perché vuole metterli di buon umore. Trovo nel suo auto-paradosso rappresentato una forma apparentemente mai coltivata - perché la politica si prende troppo sul
    Pubblicata il:28/11/2017
© Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +